Libido-Enhancers organici o naturali È un malinteso standard del generic cheap viagra Listanza iniziale si è concentrata su un creatore di corpo di 29 anni che ha battuto la moglie cheap discount viagra Pfizer ha lanciato il viagra da capsule dentale e ha sviluppato un turbamento, che è in contrasto generic viagra cheap Non potrei avere un abbonato dalla loro lista se avessero acquistare viagra cialis Ancora un altro vantaggio che puoi ricevere dal naturale Viagra viagra discount Effetti collaterali Milioni di uomini e donne in tutto il mondo stanno combattendo buy cheapest viagra Suma Main - Radix Pfaffiae Paniculatae La radice di Suma contiene una viagra donne acquisto Ci sono due varietà di spiriti Internet che mi iscrivo alla tua pubblicazione chiamata Alternet. acquisto viagra originale - Se non devono essere abusati, molti acquisto viagra online Vigrx Plus è una variante sofisticata dei supplementi di miglioramento del pene che sono viagra generico acquisto
7a4010d756 L’area marina protetta di Tavolara-Punta Coda Cavallo è il nostro “mare d’azione”! La sua estensione, più di quindicimila ettari di mare, ci permette di godere di un ampio parco di immersioni nonostante la riserva integrale della zona A sia vietata alle immersioni e al transito.  Le zone B di riserva generale e C di riserva parziale a noi accessibili, non fanno di certo rimpiangere la zona A.
Dal moletto di Porto S.Paolo si raggiungono i punti d’immersione da un minimo di 10 minuti a un massimo di 50 minuti di navigazione. Durante il tragitto di ritorno si possono gustare specialità regionali preparate dallo staff e ascoltare buona musica. Le immersioni, anche se alcuni siti sono consecutivi tra loro, hanno caratteristiche ben diverse.L’ambiente cambia in pochi minuti di navigazione, ad esempio se ci immergiamo in parete a Tavolara, troviamo grossi massoni calcarei dal colore bianco sparsi qua e là che uniti alla limpidezza del mare, consentono un’ottima visibilità anche in giornate meno assolate.Invece Molara presenta enormi pinnacoli di granito, alcuni dei quali si innalzano fino a pochi metri dalla superficie, con canyonche si snodano in tuttele direzioni, creando quasi un labirinto! ampt map
DSCN8906  La descrizione delle singole immersioni è relativa in quanto in uno stesso sito si possono effettuare differenti tragitti. L’immersione si vive alla giornata, la guida decide il percorso scegliendo le condizioni migliori in termini di correnti, presenza di altri sub, mangianza di pesce, incontri di particolare interesse quali un trigone, un branco di barracuda o una grossa cernia, senza trascurare la sicurezza e il divertimento.  
Durante le nostre immersioni si rispettano gli standards della subacquea e le leggi locali (regolamento per la subacquea ricreativa della Regione Sardegna). Quello che è da sottolineare è che la vastità dei siti di immersione ci permette di tuffare con quasi tutte le condizioni meteo marine senza tralasciare la sicurezza.  LA SECCA DEL PAPA (profondità diving 17-40mt.) E’ considerata una delle immersioni più belle del Mediterraneo. Situata a circa 300mt al largo di Punta Papa, cui deve il suo nome per la curiosa somiglianza della roccia alla figura di un Papa, la secca, IMG_9418a

 dal fondo di 40mt, sale fino a 16mt, dove è consentito l’ormeggio. Durante questa immersione, a volte si incontra corrente che lascia poca scelta dei percorsi possibili rendendola particolarmente impegnativa e non adatta a sub di primo livello. Ci immergiamo lungo la cima d’ormeggio e giunti sul cappello della secca principale, ci danno il benvenuto una moltitudine di castagnole(chromis chromis), donzelle(Coris julis) e zerri. Lasciata la secca alle nostre spalle, nuotiamo in assetto nel blu mantenendoci sui 24mt seguendo una dorsale di massi che si spinge sotto di noi fino a 40mt. Durante il percorso è possibile fere incontri interessanti quali cernie(Epinephelus marginatus) di varie dimensioni, branchi di saraghi(Diplodus vulgaris) che giocano a rincorrersi, dentici(Dentex dentex) dallo sguardo tenebroso ed eleganti corvine(Sciaena umbra). L’immersione dovrebbe terminare risalendo a spirale intorno la secca, ma sono troppe le cose che ci trattengono: polpi(Octopus vulgaris), murene(Murena helena), e nudibranchi dai colori sgargianti. I più curiosi possono trovare nelle spaccature della roccia grancevole(Maja squinado), galatee(Galatea strigosa) e gamberi meccanici. E poi ancora, ventagli di gorgogne rosse (Paramuricea Clavata) e gialle che mettono il sigillo a questa splendida avventura. Ma alla sosta di sicurezza, tutti sembrano tristi, hanno lo sguardo basso… Hei, una cernia sul fondo! info:http://www.sardegnamareprotetto.it/index.php?sez=3&sub=1 TEDDJA LISCIA (profondità diving 9-40mt.) Una “parete liscia” e verticale lungo il versante centro-sud dell’isola di Tavolara indica che siamo a Teddja Liscia. La parete verticale ci offre riferimento per la discesa fino un bassofondo di 12-15mt. Subito ci appostiamo, come affacciati ad un balcone, sulla franata. Qui ha tana una grossa cernia(Epinephelus marginatus), molto brava a mimetizzarsi nella Posidonia. Man mano che il fondo degrada, si alternano scenari per tutti i gusti: grossi massi, spesso nascondiglio di cernie, anfratti, dimora dei Re di Triglia(Apogon imberbis) e brevi passaggi dove tra giochi di luce si distinguono margherite di mare(Parazoanthus) e spugne dai diversi colori. Qualche volta diamo un’occhiata nel blu per scorgere qualche grosso pesce di passo. Nel rientro perlustriamo il bassofondo e anche qui, la varietà dei paesaggi sembra guidarci in una nuova immersione. Prima della sosta di sicurezza e aria permettendo ci riaffacciamo al “balconcino” per dare l’arrivederci a quella grande cernia. info: http://www.sardegnamareprotetto.it/index.php?sez=3&sub=2 L’ARCHETTO (profondità diving 7-40mt.) Questo sito prende il nome da un archetto sulla parete di Tavolara ma i sub più attenti ne possono trovare uno anche sott’acqua. Il primo gradino del fondale stenta a raggiungere i 12mt. ma gli incontri sono davverospettacolari. Un grosso masso a forma di fungo ospita saraghi(Diplodus vulgaris) e corvine(Sciaena umbra) di notevole dimensione. La franata nasconde tane di polpi, murene(Murena helena) e gronghi(Conger conger). I più attenti possono trovare diverse Alicia Mirabilis e magari ritornare per ammirarle in un’immersione notturna. Una distesa di Posidonia ricopre il fondo fino ai 40mt dove si trovano le gorgogne bianche (Funicella verrucosa).. SECCA DELL’ELEFANTE (profondità diving 18-30mt.) E’ un’immersione poco frequentata ma tanto affascinante per le grosse montagne di roccia che la caratterizzano, tanto grandi da farci sentire piccoli di fronte alla natura. Giace sul fondo una grossa ancora in ferro risalente al 1700. L’immersione si svolge attorno a queste grosse montagne che delimitano la secca e che tra loro formano delle profonde fessure dove è facile trovare corvine ((Sciaena umbra), granceole (Maja squinado), cicale (Scyllarides latus) e murene (Murena melena). L’immersione non può terminare senza visitare una grossa roccia proprio a forma d’elefante, tanto grande da poterci passare in mezzo. Incontri frequenti: cernie (Epinephelus marginatus), corvine, granceole, cicale, barracuda (Sphyraena viridentis), dentici (Dentex dentex). Punti di forza: ancora in ferro, roccia dell’elefante, grossa cernia, branco di corvine, granceole.

•Relitto del Kt (Orosei) • Isola dell’Asinara – info:http://www.sardegnamareprotetto.it/index.php?sez=7 • Secca di Lavezzi (La Maddalena) – info: http://www.sardegnamareprotetto.it/index.php?sez=2

Porto San Paolo Dive Center a.s.d. Viale Pietro Nenni 14/a - 07020- Porto San Paolo (OT) 

tel. e fax. +39(0)78940414 / +39 3397932658 - e-mail